AL MINISTERO DELL’INTERNO – Dipartimento della Pubblica Sicurezza

AL COMANDO GENERALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI – Ufficio Rapporti con le Associazioni a Carattere Sindacale

Con questa lettera  il Nuovo Sindacato Carabinieri vuole contribuire a migliorare la sicurezza delle Forze dell’Ordine impegnate ormai da diverse settimane nella emergenza relativa alla pandemia COVID19, nonché nel finalmente considerare e riconoscere economicamente l’oggettivo ed enorme contributo dei Colleghi che dalle Centrali Operative dei Carabinieri e delle Sale Operative della Polizia di Stato, 24 ore su 24, partecipano fattivamente all’azione sociale e di sicurezza della nostra società .

Per superare il problema dell’approvvigionamento delle mascherine necessarie alla protezione dal contagio del virus COVID19 e consentire una minima prevenzione nello svolgimento delle attività di controllo delle  violazioni dei decreti che presuppongono, secondo le interpretazioni delle varie circolari, un rischio ridotto vista la distanza da mantenere dai soggetti controllati, si potrebbero adottare delle visiere antinfortunistiche che quantomeno impedirebbe alle emissioni delle micro particelle di saliva e altri fluidi di raggiungere l’operatore e aumentare i rischi di contagio da soggetti asintomatici che potrebbero veicolare il virus.

Le mascherine sopra menzionate essendo di pronta ed economica reperibilità e principalmente di facilissima disinfezione e riutilizzo, possono far aumentare la disponibilità di mascherine più performante (FFP3) sia per quegli interventi che per la loro tipologia costringono a un contatto interpersonale ravvicinato sia nelle già identificate aree di contagio (focolai).

Per quanto riguarda la seconda motivazione di questa lettera, il Nuovo Sindacato Carabinieri ritiene che da troppo tempo (dalla adozione di particolari indennità per i servizi esterni o, nei momenti di emergenza nazionale, come in questo momento, dalla possibilità di utilizzare indennità di op e straordinari) ai Carabinieri e i Poliziotti impiegati nei 112 e nei 113, nonostante partecipino indiscutibilmente e fattivamente all’azione esterna delle nostre pattuglie (raccolta e gestione delle emergenze, coordinamento delle pattuglie sul territorio per la routine o per qualsiasi evento criminoso o di diversa natura, accertamenti sdi, collegamenti con la magistratura e tutti gli enti che ogni intervento richiede), non vengano riconosciute adeguatamente e oggettivamente gli stessi riconoscimenti economici goduti non solo dai servizi esterni ma anche, specialmente nel caso dell’Arma dei Carabinieri, da diversi uffici (come stabilito nei decreti di recepimento degli ultimi contratti di lavoro). 

Siamo fermamente convinti che sia giunto il tempo di riconoscere a queste Donne e Uomini che si dedicano completamente e in maniera estremamente professionale al Cittadino (ultimo esempio, le migliaia di chiamate che giungono ai 112 dei Carabinieri per chiarimenti sui numerosi decreti e ordinanze che stanno condizionando la vita di ogni Italiano in queste ultime settimane) la giusta considerazione che fino a oggi dimostra una sperequazione ingiusta e non adeguata alla tipologia di servizio così delicata e indispensabile (non a torto, l’Arma considera le Centrali Operative fulcro di tutta la sua attività).

Chiediamo quindi al Dr. Gabrielli di valutare le nostre considerazioni, convinti della sua attenzione e rapidità di azione che l’ha sempre contraddistinta, e di adoperarsi rapidamente, insieme al suo staff, alla analisi delle nostre proposte e ai provvedimenti del caso.

Certi di un cortese riscontro, si porgono distinti saluti. 

Roma, 22 marzo 2020

LA SEGRETERIA NAZIONALE

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’ utilizzo della navigazione (cookie statistici). Noi utilizziamo direttamente cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policyl